sabato 1 marzo 2014

Pai indorau

Questa che vi propongo è una ricetta antica della tradizione sarda. Povera negli ingredienti, semplice nella preparazione e gustosissima al palato. Come noterete nell’elenco degli ingredienti non sono presenti le quantità esatte, questo perché, in passato, per la preparazione normalmente si andava “a ogu” ossia “a occhio”.
E’ un ottimo dolce, e vi consiglio di provarlo anche per questi giorni di Carnevale.

Fotografia del dolce tipico della cucina sarda su Pai indorau

Foto di Alessandra P.


Ingredienti:

pane raffermo quanto basta
latte quanto basta
3 uova
olio extra vergine d’oliva
zucchero

………………………

Tagliare il pane in fette grosse circa un centimetro. Bagnarlo nel latte e poi nell’uovo sbattuto. In un tegame con olio caldo friggere il pane sino a quando non sarà dorato.
Asciugare dall’unto della frittura e spolverizzare con lo zucchero.
Servire caldo.

...........................................

I propose this old recipe of the Sardinian tradition. Poor ingredients, easy to prepare it and delicious to the palate. As you can see the list of ingredients there are no the exact quantities, this because the preparation was normally "a ogu" or "to eye" in the past.
It 'a great dessert, and I recommend you try it for these days of Carnival.

Ingredients:


stale home bread to taste
milk to taste
3 eggs
extra virgin olive oil
sugar

.............................

Cut the bread into thick slices about a centimetre. Pass the bread in milk and then in the beaten egg. In a pan with hot oil let fry the bread until them are golden. Carefully dry the greasy of fried food and sprinkle the bread with some sugar.
Serve hot on the table.


Con questa ricetta partecipo al secondo contest del social network gastronomico "Magnacook"
"Il Riciclo in Cucina"

Immagine del logo del Contest di Magnacook: Il riciclo in cucina
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...